Generazioni

Titolo: Qui davanti al mare

Autore Musica e testo: Giuseppe Moscato

PER VOI CHE SIETE QUI
UN GIRO GIA’ SENTITO
DI ACCORDI ALLA CHITARRA
DI CIABATTE SPORCHE
DI PAROLE ANDATE
DENTRO VECCHIE DATE
CHE NON HANNO SENSO
DENTRO QUESTO TEMPO
MA È IMPORTANTE AVERE
NUOVA ISPIRAZIONE 
E POTER CANTARE
ANCORA UNA CANZONE
NON IMPORTA POI 
SE ANCHE SENZA RIMA 
SIAMO SEMPRE NOI
QUI DAVANTI AL MARE
E RIMANE APPESA 
SOPRA A QUESTO CIELO
LA MIA ANIMA
LA MIA LIBERTA’
SENZA UNA DIFESA 
SENZA NESSUN VELO
PORTO IL MIO FANTASMA 
DENTRO QUESTA CONFUSIONE
CE L’HO MESSA TUTTA
PER NON DIVENTARE 
UN’ALTRA PIETRA DURA
PER UN NUOVO ALTARE
NON CERCO NEL PASSATO
UN’IDEA MIGLIORE 
SIAMO SEMPRE NOI
QUI DAVANTI AL MARE

Titolo: La nave
Autore Musica e testo: Giuseppe Moscato

TI HO VISTO LUNGO IL MARE NAVIGAVI
ERI DENTRO QUELLA NAVE SENZA EROI
FUGGENDO NON CAPIVI POI PERCHÉ
IL SENSO DI UNA VITA CHE FINIVA
IL SENSO DI UNA VITA CHE FINIVA

INDIETRO TERRA E POLVERE IL PASSATO
CHE IL SOGNO IN UNA NOTTE HA CANCELLATO
PAURA CORAGGIO TUTTO IN UN MOMENTO
HAI PRESO IL LARGO E NON TI SEI VOLTATO
HAI PRESO IL LARGO E NON TI SEI VOLTATO

STANCO UN VECCHIO ANCORA RACCONTAVA
DI UNA STORIA DI FRONTIERA E DI SUA FIGLIA
CHE FORSE UN GIORNO AVREBBE RITROVATO
CON LA VALIGIA ACCANTO AD ASPETTARLO
CON LA VALIGIA ACCANTO AD ASPETTARLO

LA NAVE NAVIGAVA SENZA TEMPO
LA LUNA RISPETTAVA IL LUNGO VIAGGIO
E LE STELLE CHE GUIDAVANO UN DESTINO
CHE FINO A IERI NON HAI MAI AVUTO
CHE FINO A IERI NON HAI MAI AVUTO

GUARDAVO LE TUE MANI GIÀ DI TERRA
TOCCAVANO IL TUO VOLTO ANCHE I MIEI OCCHI
HO VISTO TANTE COSE DENTRO IL GIORNO
MA NON TI PARLERÒ DEL TUO RITORNO
MA NON TI PARLERÒ DEL TUO RITORNO
MA NON TI PARLERÒ DEL TUO RITORNO
MA NON TI PARLERÒ DEL TUO RITORNO

Titolo: Borgate romane
AUTORE TESTO E MUSICA: GIUSEPPE MOSCATO

RACCONTARE UNA STORIA, APRIRE UNA PORTA…
POI… MAGIA: LA POESIA 
ACCADDE A CENTOCELLE, QUANDO ANCORA ERA UNA BORGATA DI ROMA. POCHE AUTOMOBILI, UN MECCANICO, UN CALZOLAIO, UNA FARMACIA E UNA DROGHERIA.
C’ERA UN BAMBINO, AL CENTRO DEL SUO MONDO… INNOCENTE, DERISO, INGENUO, SOLO… 
IL BAMBINO PRIMA FU INGANNATO E POI FU COLPITO.
C’È UNA NATURA DI PACE IN ALCUNI DI NOI. PRONTA AD ESSERE TRASFORMATA IN UNA DISTORSIONE VIOLENTA. MA IL BAMBINO NON LO SA. PUÒ SOLO SCEGLIERE SE DIVENTARE BRANCO O DIVENTARE AGNELLO. 

IL TEMPO NON ERA TEMPO, IL SOLE TRAMONTAVA E LE BAMBINE GIOCAVANO, LO ACCOLSERO DOLCEMENTE. VIENI A GIOCARE CON NOI, DISSERO. 
…IL BAMBINO PENSAVA: UN GIORNO DIVENTERÒ UN UOMO MIGLIORE, ANDRÒ IN GIRO PER IL MONDO, AMERÒ UNA DONNA, TUTTI QUELLI DEL BRANCO CI GUARDERANNO E PENSERANNO ALLA LORO VITA TRISTE E SENZA SENTIMENTI. 
IL TEMPO PASSÒ E QUELLE STRADE, PIENE DI BAMBINI SPORCHI CON I SANDALI AI PIEDI, INTIMIDITI DA LADRI DI SOGNI, SCOMPARVERO… NESSUNO SEPPE PIÙ NULLA DI QUEI GIORNI DI NEVE D’INVERNO E DI GRAMIGNA D’ESTATE, DI CAMPAGNA E DI PALAZZI IN COSTRUZIONE. 
ARRIVARONO VOLTI DI UN ALTRO COLORE, CON GRANDI OCCHI BIANCHI E SORPRESI DI CONFUSIONE, SBATTUTI LI DA UN ALTRO MONDO. LE BORGATE ROMANE CUSTODISCONO E CURANO FERITE PROFONDE E PER FARLO OFFRONO SOGNI IMPOSSIBILI

TITOLO: Arei viaggiato
AUTORE MUSICA E TESTO: Giuseppe Moscato

CARO AMICO MIO
SAREBBE BELLO RITROVARE
PER UN’ALTRA VOLTA ANCORA
UN VOLTO UNA PAROLA 
STARE INSIEME A CAMMINARE
C’È UN TEMPO PER ANDARE
UN TEMPO PER TORNARE
E UN TEMPO PER DIMENTICARE 
QUELLE NOTTI IN UN CASSETTO
QUELLA VOGLIA DI CAMBIARE

“LA RAGIONE DI VIVERE DOV’È
DOVE È ANDATA DOVE STA
CON LA GIACCA LA CAMICIA 
E IL PAPILLON AVREI VIAGGIATO”

IN AFRICA O IN ARGENTINA
AI PIEDI DI QUESTA VITA

ERA LA SERA AL BAR
ERA SOTTO LA PIOGGIA 
SENZA UN OMBRELLO APERTO
SENZA L’IMPERMEABILE
CAPELLI CHIARI CAPELLI GRIGI 
MA NEL FORMAT NON C’È SPAZIO
IL FUTURO SE N’È ANDATO
ABBIAMO AVUTO ABBIAMO DATO
CHIUSO IL CINEMA E IL BISTROT
NON MI STANCHERÒ DI TE

“LA RAGIONE DI VIVERE DOV’È
DOVE È ANDATA DOVE STA
CON LA GIACCA LA CAMICIA 
E IL PAPILLON AVREI VIAGGIATO”

Titolo: Damme un nome
Autore Testo e musica: Giuseppe Moscato

[RECITATO]

QUANNO ERO RAGAZZINO
UNA SERA SO USCITO
E NUN SO PIÙ TORNATO
ME NE SO ANNATO

ERA N’ARTRO TEMPO
MO’ SO’ VECCHIO
ALL’EPOCA IO E PIETRO
CANTAVAMO AR FORK STUDIO A TRASTEVERE

CANTAVAMO IN ITALIANO
E PURE IN ROMANESCO
E GIGI, GIGI MARTELLA ER POSTINO
CE DICEVA… BRAVI!

JE LO DICO IO A CESARONI!
CHE OMO CHE ERA GIGI
QUANNO L’HO SAPUTO
M’È DISPIACIUTO TANTO

A CENTOCELLE
ERA UN MITO DER PARTITO
L’ARCI A ROMA ERA ROBA SUA
MA È RIMASTO ER SOLITO POSTINO

[QUANNO HO SENTITO MANNARINO
ME SO DETTO AMMAZZA
SEMBRAVO IO DA REGAZZINO
CO LA CHITARA DE TREMILA LIRE

CHE BRAVO E CHE VOCE AHO’
È GIOVANE E PURE BELLO
IO NO
PE ME LUI CANTA UN FUTURO
CHE RIPARTE DAR PASSATO.. PE ME EH!

ME PIACE PERCHÉ
È LA POESIA CHE CONTA
COME NA DONNA SUDAMERICANA
CHE BALLA AR CHIAR DE LUNA]

IO INVECE ME SO SEMPRE VERGOGNATO
PERÒ NUN STATO MAI STONATO
È PROPRIO CHE NUN L’HO MAI CAPITO
NESSUNO ME L’AVEVA MAI SPIEGATO

MENO MALE CHE HO INCONTRATO
GIANFILIPPO BONI CHE M’HA DETTO
MA CHE VECCHIO E VECCHIO
L’IMPORTANTE È STA SUR PARCO

ME CE VOREBBE N’ARTRA VITA
MA DEVO STAMME BONO
E SENTÌ BENE CHE ME DICE
OGNI GIORNO ER PADRE ETERNO

DA N’ORECCHIO NUN CE SENTO
DALL’ALTRO MEJIO
CERCHERÒ DE FAR ER POSSIBILE
LA SALUTE È NA BELLA COSA

SAPESSI AMICI MIA
CHE VOJA CHE C’HO
DE RACCONTAVVE N’ARTRA STORIA
SE FA PURE PE’ MANNA’ VIA LA NOIA

[CANTATO]

NUN SO SE ME RICORDO
ME SENTO UN PO’ SORPRESO
HO VISTO UN PO’ DE MONNO
E HO STUDIATO UN PO’ DE STORIA
E NUN HO MAI TROVATO
NESSUNO M’HA SPIEGATO
CHE POESSE LA RAGGIONE
CHE VORDÌ MORì AMMAZZATOI

ME SO GUARDATO INTORNO
E HO CERCATO DE CAPÍ
DENTRO L’ANIMA E NER CORE
DA ‘NDO VIENE STA PASSIONE
SENZA SMETTE MAI UN MOMENTO
DE CORE E DE FERMAMME
PE VEDE SE CE STA UN POSTO
UN POSTO CHE NUN SO COME CHIAMÁ

MA A CASA MIA LO SO
CE STA UN ANGELO SEGRETO
E DENTRO LA MONTAGNA
CE STA UN BOSCO E NA CAPANNA
PE VIVE E PE CANTÁ
NEL SILENZIO E NER RUMORE
E TE LO DEVO DÌ
C’È STA PURE UN PO’ D’AMORE

E SO PARTITO UN GIORNO
PE VEDÈ COM’ERA ER MONNO
E QUANTA BELLA GENTE
HO INCONTRATO PE LA STRADA
E SO RIMASTO A PIEDI
M’HANNO ACCOMPAGNATO
M’HANNO PRESO SULLE SPALLE
NUN ME LO SO SCORDATO

E ADESSO M’ARITROVO
COME CENERE NER VENTO
ME SENTO MENO STANCO
ME SENTO PIU’ LEGGERO

QUER POSTO IO L’HO VISTO
TE PREGO DAMME UN NOME PE’ CHIAMALLO

Titolo: Stamme vicino
Autore Testo e musica: Giuseppe Moscato

STANOTTE C’È NA PIOGGIA
CHE NUN VOLE SMETTE DE BAGNÀ LE STRADE
STANOTTE SENZA LUNA
E CO’ STO MONNO CHE STA SEMPRE A LAVORA’

LUI GUARDA DENTRO L’OCCHI
CHE S’ABBASSANO SINCERI PIANO PIANO
C’AVREBBE VOJA DE PORTATTE
VIA LONTANO QUANTO TE VO BENE

ER TRENO ALLA STAZIONE NUN SE VEDE
LA NEBBIA SE LO VOLE PORTA’ VIA
E’ INVERNO E DA DOMANI VIE’ LA NEVE
LE MANI CE L’HAI FREDDE ER CORE È VIVO
VE NE VOLETE ANNÀ DA STA CITTÀ

SEMBRA TANTO CHE STA PIOGGIA
SCENNE FORTE PE’ LAVACCE LI PECCATI
NUN È CERTO CORPA VOSTRA
SE VE SETE LIBERATI E POI VE SETE INNAMORATI

C’È UN FIUME PE’ LAVASSE LI CAPELLI
SENTITE POI STO VENTO COME È BELLO
MA STATE ATTENTI CHE C’È CERTA GENTE
DICE DE VOLEVVE BENE E INVECE
SE VOLE PRENDE ER POCO CHE C’AVETE

DENTRO ER TOCCO DE CAMPANA NELLA NOTTE
LA SPERANZA CHE S’APRISSERO LE PORTE
PERCHE’ IN PARADISO NUN C’E’ DIFFERENZA
NELL’ARTRO – TROVI QUELLO – CHE TE MANCA

FORSE È MEJIO FASSE INSIEME NA RISATA
POI ME DEVI RACCONTA’ COM’È FINITA
NUN SE PO’ STA A LOTTÀ TUTTA NA VITA
ME PIACEREBBE AVÉ TUTTA LA PACE
CE BASTA POCO NUN CHIEDEMO GNENTE

TITOLO: JE NE T’AIME PLUS
AUTORE MUSICA E TESTO: GIUSEPPE MOSCATO

PENSAVO
QUEL GIORNO ALLA GARE DE LION
QUANTA PIOGGIA E FERRO
SENTIVO AL MATTINO
QUANDO PASSAVO DI LA

CHE STRANO
COME RITORNA ALLA MENTE
QUELL’EMOZIONE LONTANA
SENZA NEANCHE UNA FOTOGRAFIA

FUORI E’ FREDDO ALL’APPUNTAMENTO
CHE STRANO MESE DI APRILE
VIENI A BERE UN CAFFE’ DA ME
TI SCALDERO’ COL MIO UMORE

QUI C’E’ UNA NEBBIA CHE NON SI VEDE
INUTILE STARE A PENSARE
LO SAI OGNI VOLTA COME FINISCE
NON PARLO E MI METTO A MANGIARE

E ADESSO PER FAVORE
NON CI PENSARE
FINIRA’ ANCHE LA PRIMAVERA
CE NE ANDREMO A SAN MICHEL

NON VEDO L’ORA DI RIVEDERE IL TUO VISO
COMPRERO’ ANCHE UNA BICICLETTA
TROVERO’ IL MODO PER RITORNARE
E SUL PONTE CERCHERò IL NOSTRO AMORE

LA LA LA

VIENI A BERE UN CAFFE’ DA ME
TI SCALDERO’ COL MIO UMORE
LO SAI OGNI VOLTA COME FINISCE
NON PARLO E MI METTO A MANGIARE

TITOLO: A UN PALMO DAL CIELO
TESTO E MUSICA: GIUSEPPE MOSCATO

IL BATTERISTA ERA UN TIPO STRANO
SEMBRAVA STARE A UN PALMO DAL CIELO
PER QUESTO ERA SEMPRE IN SILENZIO 
IL RITMO PARLAVA PER LUI

QUANDO ERA BAMBINO NON LO SAPEVA
NESSUNO GLIELO AVEVA MAI DOMANDATO
MA TUTTI SAPEVANO CHE DA GRANDE VOLEVA ANDARE
DA TORINO A MILANO COL FIATO IN MANO

E IL BASSO PER LUI ERA COME UN TRENO VELOCE
COME È STRANA LA VITA ANCHE SE NESSUNO LO DICE 
NON AVEVA NESSUNA BOTTIGLIA DA BERE
C’ERA SOLO UN MODO PER FARLO SUONARE 

E SUI BINARI DEL CIELO QUANDO VENIVA LA SERA
VOLEVA SOLTANTO BATTERE LE MANI
NON AVEVA PIÙ LE PAROLE PER DIRE
TUTTO QUELLO CHE NON C’ERA DA DIRE

E HA COMPRATO TRE CANI PERCHÉ ERA TROPPO DISTRATTO
AVEVA CAPITO CHE L’AMORE È PULITO
NON VOLEVA PIÙ RISCHIARE DI SOFFRIRE PER NIENTE
VOLEVA SOLTANTO FAR BALLARE LA GENTE

LA NOTTE ERA LUNGA ERA LUNGA DAVVERO
NON IMPORTA STARE SOLI SUL MONTE
SENTIVA LE VOCI QUANDO ERA DAVANTI AL MARE
CREDEVA CHE LE STELLE VOLESSERO PARLARE

TITOLO: ESSERE FRAGILI
AUTORE: GIUSEPPE MOSCATO
TESTO RECITATO

QUANDO SEI NATO
MI SONO DETTO… 
ANDRA’ TUTTO BENE
ANCHE SE LE TUE LABBRA
ERANO LENTE NEL SORRISO
ANDAVA BENE LO STESSO

POI TI HO PORTATO TRA I FIORI E I COLORI
SEMBRAVA FOSSERO SOLO GRIGI
E I PROFUMI TUTTI UGUALI

COSI PER QUALCHE TEMPO
HO PENSATO CHE TU 
NON COMPRENDESSI IL MONDO
INVECE, ERA IL MONDO 
CHE NON CAPIVA TE (pausa)
ANCHE IO NON CAPIVO

IL MESSAGGIO PIÙ SEMPLICE?
L’ABBRACCIO

E POI… POI MI SONO DOMANDATO… 
PERCHÉ MI VENIVA
SEMPRE PIÙ DIFFICILE
ABBRACCIARE
UNA COSA COSÌ FACILE DA FARE
MI VENIVA MALE…
I FIGLI QUANDO CRESCONO
NON SI ABBRACCIANO PIÙ
PERCHÉ…

HAI QUASI VENT’ANNI
E QUANDO TI OSSERVO,
IL TEMPO SEMBRA ANDARE PIÙ LENTAMENTE
MI SEMBRA DI NON INVECCHIARE

SEI GENTILE, ATTENTO,
SEMPRE PRONTO A RINGRAZIARE
E POI C’E’ QUANDO DICI…
TI VOGLIO BENE…
TI VOGLIO BENE…
ECCO COSA SEI

CONTINUERO’ A PARLARTI
SONO COMUNQUE CONNESSO,
NEL SUONO, NELL’ANDAMENTO
NELLE PAUSE, NEI VOLUMI
NELL’ESPRESSIONE CHE PORTO NEL VOLTO,
NEL CORPO
ECCO ORA, SONO IO A DIRTI GRAZIE
PER TUTTE LE VOLTE
CHE TRASMETTI
TRISTEZZA E POESIA
COLORE, MOVIMENTO
E GRAZIE ANCHE PER LE TUE BUGIE,
CI SONO COSE 
CHE NON MI VUOI DIRE
ALTRE STANNO NEL SILENZIO
E’ COSÌ
TU NON SEI UN DIVERSO
SEI COSÌ

IL CORRIDORE
Autore Testo e musica: Giuseppe Moscato

GUARDO IL CIELO E IL SOLE È SCESO GIÙ
VEDO LA TUA OMBRA ANDARE VIA
SULL’ASFALTO CI SEI SOLO TU
SCARPE E MUSCOLI CHE PASSANO

CORRIDORE DOVE VAI
VERSO LA TUA LIBERTÀ

NON È SEMPLICE LO SO
MA È COSTANTE L’ANDAMENTO
NON C’È NIENTE CHE NON VA
NON IMPORTA VINCERE

SALIRAI SULLA COLLINA ANCORA
LA CAMPAGNA È COME UNA POESIA
SOLO IL VENTO TI ACCOMPAGNA
TACITURNO COME UNO STRANIERO
C’È UNA STRADA DA PASSARE
CON LA TUA DIVERSITÀ

FIGLIO MIO LO DICI SEMPRE
A COSA SERVONO LE MIE PAROLE
È SUFFICIENTE IL MIO SORRISO E POI
VOGLIO SOLO CORRERE

VOGLIO FARE IL CORRIDORE
COME TE CHE VUOI CANTARE

C’È UN TRAMONTO SULLA STRADA
VANNO VIA I CHILOMETRI
STRIZZA L’OCCHIO GENEROSO
TUTTO È DENTRO IL TUO SILENZIO

TIENI IL TUO CRONOMETRO
È COSTANTE IL MOVIMENTO
CONCENTRATO ED EFFICIENTE
NON IMPORTA VINCERE

TITOLO: GENERAZIONI
AUTORE MUSICA E TESTO: GIUSEPPE MOSCATO

E ADESSO DIMMI CHE VOLEVI DIRE
NEL SONNO HAI PARLATO DEL PASSATO 
MA QUI SI STA SCRIVENDO UN’ALTRA STORIA 
IL FIATO È CORTO MA NON HAI PAURA

NEL 1978 
RICORDO DI AVER SCRITTO UNA CANZONE
ERA IL PRIMO MAGGIO E C’ERA TANTA GENTE
A PIAZZA SAN GIOVANNI COME SEMPRE

IL PASSATO NON SAREBBE PIÙ TORNATO 
CHIUDEVANO LE FABBRICHE IN SILENZIO 
AGLI OPERAI HANNO DATO LA LIQUIDAZIONE 
LASCIATI DENTRO A TANTI BEI RICORDI 

CO SÌ È PASSATA UNA GENERAZIONE 
C’È RIMASTA SOLO LA COSTITUZIONE 
QUELLA SIRENA A MENSA ERA FINITA
NEL BIANCO E NERO DI UNA FOTOGRAFIA 

CANTANDO QUESTA MIA CANZONE HO CHIESTO
FIGLIA MIA NON SO SE L’HAI CAPITA?
E LEI MI HA DETTO È BELLA ME LA SPIEGHI 
QUELLA SIRENA NON L’HO MAI SENTITA 
A SCUOLA NON RACCONTANO LA STORIA 
DEI NONNI DELLE MAMME E DEI PAPÀ 
SAPESSI QUANTE VOLTE HO LITIGATO 
E QUANTE VOLTE ME NE SONO ANDATO

E ADESSO CHE HO IMPARATO AD ASCOLTARE 
RIABBRACCEREI MIO PADRE E MIA MADRE 
PER TUTTO QUELLO CHE HANNO SOPPORTATO
PER OGNI SOGNO CHE HANNO REALIZZATO

TITOLO: IL FIORE DI MONTAGNA
AUTORE TESTO E MUSICA: GIUSEPPE MOSCATO

[RECITATO]
GUARDA CHE BEL PRATO 
E GUARDA QUANTI FIORI 
NON AVEVO VISTO MAI 
UN PRATO COSÌ BELLO

COSÌ MI SONO DETTO
QUASI QUASI MI STENDO AL SOLE
ALLA FINE MI SONO CONVINTO 
E SONO ANDATO LUNGO

CHE STRANA SENSAZIONE
SEMBRAVA COME FOSSE 
FINITA UNA BATTAGLIA 
CHE DURAVA DA TANTO TEMPO

E  PIANO PIANO PIANO
MI SONO ADDORMENTATO 
QUELLA TERRA, QUEL PRATO
UNA BENEDIZIONE

[CANTATO]

VENIVA DA UN ALTRO MONDO 
CHISSÀ DOVE STAVA ANDANDO
CAMMINAVA DA TANTO TEMPO
ERA PURE UN PO’ MALANDATO

PENSAVO MA COME È STRANO 
CHE UNO COSÌ STA QUI
VORREI DARGLI UN PO’ DI VINO
MA IO NON BEVO VINO
STO FERMO E CON STUPORE MI DICO
MI SEMBRA DI SOGNARE
NON CAPISCO SE LUI NON C’È 
O SONO IO CHE NON LO VEDO
IN TANTI HANNO LOTTATO 
NEL SILENZIO DEGLI ABBRACCI 
NEL COLORE DI QUEL PRATO 
DOVE È STATO SEPPELLITO 
MI DICONO CHE IN MONTAGNA
LA NOTTE FANNO L’AMORE
MA POI DURANTE IL GIORNO 
SI TRASFORMANO IN UN FIORE 
AVEVANO UN SACCO PIENO
DI LETTERE E DI RICORDI 
PARTIGIANE E PARTIGIANI 
MORTI PER LA LIBERTÀ

Il Corridore (acustica)

Autore Giuseppe Moscato

GUARDO IL CIELO E IL SOLE È SCESO GIÙ
VEDO LA TUA OMBRA ANDARE VIA
SULL’ASFALTO CI SEI SOLO TU
SCARPE E MUSCOLI CHE PASSANO
CORRIDORE DOVE VAI
VERSO LA TUA LIBERTÀ
NON È SEMPLICE LO SO
MA È COSTANTE  L’ANDAMENTO 
NON C’È NIENTE CHE NON VA
NON IMPORTA VINCERE 
SALIRAI SULLA COLLINA ANCORA
LA CAMPAGNA È COME UNA POESIA
SOLO IL VENTO TI ACCOMPAGNA 
TACITURNO COME UNO STRANIERO
C’È UNA STRADA DA PASSARE
CON LA TUA DIVERSITÀ
FIGLIO MIO LO DICI SEMPRE
A COSA SERVONO LE MIE PAROLE
È SUFFICIENTE IL MIO SORRISO E POI
VOGLIO SOLO CORRERE
VOGLIO FARE IL CORRIDORE
COME TE CHE VUOI CANTARE
C’È UN TRAMONTO SULLA STRADA 
VANNO VIA I CHILOMETRI 
STRIZZA L’OCCHIO GENEROSO
TUTTO È DENTRO IL TUO SILENZIO
TIENI IL TUO CRONOMETRO
È COSTANTE IL MOVIMENTO
CONCENTRATO ED EFFICIENTE 
NON IMPORTA VINCERE 

Improvvisamente

Titolo: Improvvisamente
Testo e musica di Giuseppe Moscato

[RECITATO]
RACCONTARE DELLE DIFFICOLTÀ DA SUPERARE O DI QUELLE SUPERATE IN
QUESTA SOCIETÀ DISTORTA, PUÒ AIUTARCI A RITROVARE LA NOSTRA
NATURA FORSE UN TEMPO INCONTAMINATA. MA NELLA NOSTRA NATURA C’È
ANCHE CHI DIFENDE MORBOSAMENTE QUANTO HA ACCUMULATO, E’
DISPOSTO A STARE DENTRO UN INGRANAGGIO MALEFICO, SCHIERATO PER
OGNI PICCOLO E MICROSCOPICO FATTO, VIVE DENTRO UN
SISTEMA DIVISIVO DOVE OGNUNO CERCA DI ASSICURARSI UN QUALCOSA
CHE NON SI SA NEMMENO BENE COSA SIA… E SI VA AVANTI COSÌ,
TRASCINATI DA UN SOTTILE SENSO DI INFELICITÀ.
[CANTATO]
HO RITROVATO DOPO L’ALBA
IL SUONO DELLA MUSICA
MI HA CATTURATO SENZA ACCORGERMI
CHE ERA UN’ALTRA VITA
E’ UN’ALTRA VITA ANCORA
SE N’È ANDATA
SENZA PERDERE NE VINCERE
SENZA PERDERE NE VINCERE
L’HO RITROVATA
[RECITATO]
ED IO CHE UN TEMPO ERO A CERCARE DI CAPIRE A CHI ASSOMIGLIARE, HO
SBAGLIATO, HO CAPITO E SONO CAMBIATO. HO COMBATTUTO E SONO
STATO SCONFITTO, HO SPERATO, HO CREDUTO… E HO CERCATO.
TU FIGLIA, TU FIGLIO, TU AMICA, TU AMICO, SIETE VENUTI SENZA DIRE UNA
PAROLA, EPPURE IO SENZA DI VOI NON POTREI ESSERE IO, SIETE LE MIE
EMOZIONI, IL MIO SPECCHIO DA PULIRE OGNI GIORNO, LA MIA POLTRONA,
LA MIA RUBRICA TELEFONICA, LA MIA TAVOLA IMBANDITA, LA CASA DOVE
POSSO ESERCITARE LA MIA GENEROSITÀ.
[CANTATO]
E ORA TIENI STRETTA LA TUA ANIMA
PIEGATA IN UN FOGLIO DI CARTA
FRAGILE COME UN BICCHIERE E LE PAROLE
DI UNO STRACCIO DI POETA
COME IL TEMPO CHE SCONVOLGE
IMPROVVISAMENTE I PIANI
FORSE FINALMENTE HAI CAPITO
NON È IERI NON È DOMANI
[RECITATO]
AMO COLORO CHE OGNI GIORNO REGALANO GESTI CHE FAVORISCONO
NUOVI INCONTRI.

NULLA è PERFETTO

NULLA è PERFETTO: un album digitale con dieci nuove canzoni, risultato di due lunghi anni di lavoro.
I testi come sempre sono collegati a fatti che osservo o che mi riguardano in prima persona.
Dal punto di vista musicale ho provato a ricercare delle soluzioni nuove rispetto alle precedenti uscite. La chitarra acustica e a volte classica è sempre presente. Non manca il pezzo rock. Ho avuto qualche collaborazione e come sempre ho ascoltato pareri e opinioni che mi hanno permesso di rimetterci le mani in alcuni passaggi.
Ringrazio in particolare Piergiorgio Pardo per avermi prestato la sua esperienza musicale, in particolar modo per come mi ha guidato nella costruzione del mio ritratto che appare in copertina.
Sono io stesso l’autore delle musiche e dei testi e ho eseguito sia la parte strumentale che quella canora (a parte le collaborazioni che citerò di seguito), oltre ad aver registrato e masterizzato l’album. Insomma un prodotto fatto in casa.
Veniamo alla presentazione dei brani.
Il titolo dell’album “Nulla è perfetto” è anche il titolo del brano di cui ho realizzato il video. Sono convinto sia una delle più belle canzoni che ho scritto: un disabile intellettivo si innamora di una ragazza non disabile particolarmente bella e sensibile. Ho provato a mettermi nei suoi panni ed immaginare i suoi pensieri, le sue sensazioni, le sue emozioni.
Grazie a Gianfilippo Boni per aver contributo all’arrangiamento degli archi digitali rendendo questo brano ancora più lirico di quanto io stesso avrei immaginato.
La prima di queste canzoni, cronologicamente parlando è “Stasera”, scritta nel marzo del 2020 durante la prima ondata del Covid 19, un brano d’amore dedicato a mia moglie che ogni giorno di ritorno dall’ospedale metteva i suoi vestiti fuori in balcone e subito dopo la doccia, giornate infinite di paura e di attesa in cui non trovavo un minuto per stare in pace con lei. Ringrazio mia figlia Irene per il contributo vocale.
Come la maggior parte di noi durante questo periodo ho riflettuto molto in solitudine, con “Aspetta un momento” e “Centodue cappelli” ho guardato indietro al passato ma senza nostalgia, solo per ritrovare immagini di me, di noi di quando abbiamo superato momenti difficili, una specie di esercizio per recuperare le energie disperse nelle routine ormai scomparse e divenute astratte.
“Non ci resta che andare” richiama il rapporto con la natura che non necessariamente deve essere cercato chissà dove, lo puoi trovare anche a primavera quando si aprono le finestre, è importante accorgersene.
“Canto all’orizzonte“ e il tema dei migranti che non manca nemmeno in questo album, un brano recitato e cantato, parole strazianti. Grazie a mia figlia Benedetta che interpreta la voce della ragazzina in viaggio.
In “Una stella tra le stelle” un ragazzo scuro di pelle e solitario, anche lui figlio di migranti, sensibile ed estremamente intelligente, ma con grande difficoltà a far quadrare la sua cultura con quella nostrana.
“Ciao ragazzo ciao” e un brano assolutamente autobiografico.
“Uomo di passaggio” è l’incontro con il grande amico giornalista degli “ultimi”, Domenico Iannacone… ho lavorato molto su questo brano.
“Quale direzione” apre l’album, un’introduzione leggera, spiega che la direzione è sempre la stessa da sempre: amore e uguali opportunità a tutti gli esseri umani.
Mi farà piacere sapere se sono riuscito a darvi anch’io qualcosa, ditemelo sui miei profili social.

Titolo: Quale Direzione
Autore testo e musica di Giuseppe Moscato

Stasera fa freddo non sai dove andare
Senti come l’aria profuma di sale
Con le tue guance rosse
Come ogni anno a Natale
Tanto lo sai che alla fine
Qualche pezzo si perde lo stesso
Forse in un porto di mare
Saprai quello che devi fare
Grandine e pane
Semi d’arancia
La direzione
È sempre la stessa
Se c’è un temporale
Non c’è niente di male
Basta cambiarsi
Scarpe e vestito
Un cappuccino speciale
E un cornetto la notte
Come quando eravamo
A piazza Farnese
Quello era tempo
Di rivoluzione
Finestre di notte Come luci nel buio
Come lampare Sulle onde del mare
Nessuno ti spinge da dietro le spalle
Basta seguire la tua Stella polare
Senti che voglia c’è di cambiare
Di metterti il braccio sopra le spalle
Non interrompere il sogno
Di stare insieme a cercare
Grandine e pane
Semi d’arancia
La direzione
È sempre la stessa
Se c’è un temporale
Non c’è niente di male
Basta cambiarsi
Scarpe e vestito
Un cappuccino speciale
E un cornetto la notte
Come quando eravamo
A piazza Farnese
Quello era tempo
Di rivoluzione

Titolo: Centodue cappelli
Autore: Giuseppe Moscato

Contorni sfumati
immagini perdute
Tra i sassi e i fiori
Si ritrovano i miei passi
Polvere sulla strada
Percorsa e camminata
Hai La faccia stanca
Gli occhiali sono sporchi
Ho 102 cappelli
Chiusi nell’armadio
Li ho tutti nella mente
Mi hanno accompagnato
C’è fame di poesia
Di tempo andato via
Ormai non c’è bisogno
Di aspettare un altro giorno
Dai sali su se puoi
Ti ascolterò se vuoi
Non c’è nessun segreto
Solo voglia di partire
Non chiedermi perché
non so se dirtelo
Ho perso la mia sfida
Ho regalato la mia vita
Ci ho provato sai
A cercare le parole
Per dirti come mai
Sei andata via da qua
fragili i miei capelli
chiusi nella stanza
È passato troppo tempo
Ma non si è perduto il senso
Non so cosa succede
È stupido lo so
Ci sono lunghe pieghe
Nascoste tra le rughe
Ormai la piazza è vuota
Un’idea si è frantumata
ma all’angolo la strada
Non si fa guardare indietro
Dai sali su se vuoi
Ti ascolterò
Non c’è nessun segreto
Solo voglia di cambiare aria
Puoi chiedermi perché
Te lo racconterò
Ho cercato la mia sfida
Ho regalato la mia vita
Non ci sono fallimenti
Solo attimi confusi
C’è solo libertà
Diritto di esistere

Titolo: Non ci resta che andare
Autore: Giuseppe Moscato

Siamo alla ricerca di cieli illuminati
Di alberi e animali parlanti
Di corpi (danzanti) senza veli
Dentro i sogni segreti dei viandantiViene l’autunno, la vigna ed il vino
E la tristezza si dissolve al mattino
Perché noi sappiamo guardarci negli occhi
Non sappiamo portare maschere sul viso
È ora di compiere il salto
Come il passo di un vecchio 
Contro il volo di un falco
Non ci resta che andare
Per distese lontane
Non ci resta che andare
Per distese lontaneNon è più ormai questione di tempo
Nonostante lo sguardo sia sempre attento 
Basta suonare una armonica blues
Sotto una veranda accompagnato dal vento 
È sufficiente per pregare in silenzio
Al tramonto prima di sera 
Quando dalle finestre
passano Il gelsomino ed il tiglio
È ora di compiere il salto
Come il passo di un vecchio 
Contro il volo di un falco
Non ci resta che andare
Per distese lontane
Non ci resta che andare
Per distese lontane
Si può perdere una guerra Per comprare la pace
Basta indossare una bandana americana
(Speravo che quell’America fosse più lontana)
Ma l’odore dei funghi in ottobre verrà
Sarà come un migrante
Solo con la sua libertà

Titolo: canto all’orizzonte
Autore testo e musica: Giuseppe Moscato

Ore di cammino, la strada è bianca la strada è grigia, sempre
uguale per chilometri, la faccia è sporca perché il vento è
sporco e poi i soldati, tanti soldati. Il ponte è lontano e noi
possiamo solo camminare, camminare… e allora cerco di
sognare, di andare, di pensare, di volare, di cantare
Ho sonno mi racconterai una storia
È tardi per pensare a quello che è successo
Siamo ancora lontani e quando arriveremo ci saranno altri
soldati che sbarrano la strada, che ti dicono fermati, non puoi
andare oltre, fermati! aspetta! Non puoi andare oltre! Aspetta!
se fa freddo aspetta, se fa caldo aspetta
Papà questa polvere non va via
Ho sete e non sento più le mani

E allora cerco di sognare, di andare, di pensare, di volare, di
cantare…
Mi chiamano migrante, mi chiamano clandestino, non ho più un
nome e mia figlia non capisce perché c’è tanto vento, perché la
faccia è sporca, perché la strada è sempre bianca, sempre
dritta, sempre grigia, sempre triste, sempre strada
E allora cerco di sognare, di andare, di pensare, di volare, di
cantare,
Abbiamo fame, si perché arriva il momento che viene la fame e
non hai niente da mangiare, mia moglie, mia figlia si aspettano
che io trovo qualcosa da mettere sotto i denti, ma il confine è
ancora lontano e la strada è ancora strada
Mai non l’avevo visto mai
Neanche nelle storie della sera

Il mare è come una parola che corre, rallenta, gioca, il mare si
ripete, il mare è sempre uguale, è l’orizzonte, è la paura, è la
speranza: avremo pane da mangiare e mani per lavorare, per
pregare per amare, per curare
Voglio respirare questo canto
Stringere per sempre la tua mano

Guarda la luce piccola mia, guarda le stelle, la luna, ascolta le
carezze infinite della mamma, ascolta il suono della risata,
guarda gli occhi del nostro fratello occidentale che ti accoglie e
piange perché non aveva ancora visto il color ebano della tua
pelle
e allora cerco di sognare, di andare, di pensare, di volare, di
cantare… di sperare…

Titolo: Nulla è perfetto
Autore: Giuseppe Moscato

Mi sono guardato 
allo specchio
E ho pensato 
anche stavolta 
Ho sbagliato 
Me lo hai raccontato
Ancora una volta
Eppure non riesco
A capire
 Mi hai sempre detto
Lo hai ripetuto 
Che nulla 
Dopotutto 
È perfetto 
A volte succede
Per caso una sera
Mi guardi negli occhi
Non sai cosa dire 
Forse davvero 
A pensarci bene 
Non c’è molto altro 
Molto altro da dire
C’è un abbraccio 
Con gli occhi 
Una sera di agosto 
Un luna perduta 
Nella notte che viene
Ti chiedo davvero
Se ti ho fatto del male
Se non ti riesce 
Non mi perdonare 
Non ti ho chiesto di andare
Ma di restare
Con me
Sono solo un ragazzo
Che vuole parlare
Che vuole toccare il tuo viso
Mi vorrei innamorare
Delle tue mani che sanno
Quando scendi le scale
All’uscita di scuola
Mi resta il profumo
Della terra bagnata
Della pioggia che scende
E Il desiderio che sale
Sorrido lo stesso
Perché sono felice
Di starti accanto
Mentre si spenge la luce
Non ti ho chiesto di andare
Ma di restare
Con me

Titolo: Ciao ragazzo ciao
Autore musica e testo: Giuseppe Moscato

Ho visto pensieri
di ragazzi sul muro
E al mattino guardare il sole sul mare
sul mare
E sembra che il tempo
È più avanti di noi
Di noi che avevamo un’idea
Soltanto un’idea
Perché il mondo lo sai
è soltanto un’idea
E mi raccontavi
che stavolta dovevi partire
Dall’altra parte del mondo
c’era posto per te
Laggiù in Sud America
c’era posto per te
Per il suono della tua chitarra
e per le sere d’inverno
In Sud America si
c’era posto per te
Rit.
Ciao ragazzo ciao
non sarai più lo stesso
non ti nasconderai
domani poi chissà cosa sarà
Ti voglio regalare
Il mio sole sul mare
Per non dimenticare
L’odore della pioggia quando è sera
Ancora un viaggio
E poi un altro viaggio
Le nuvole ormai
Sono solo un ricordo
Il tuo passo libero
Accompagnato dal vento
Eppure era solo un pensiero
Di un ragazzo seduto sul muro
Come un sogno svanito al mattino
Un mattino di maggio
Ciao ragazzo ciao
Verro’ a prenderti alla stazione
E suonerò per te
Quella vecchia canzone
Saprai restituire
I pensieri dalla polvere
Che il tempo ha conservato
Neanche un attimo sarà perduto

Testo e musica di Giuseppe Moscato
Titolo: Uomo di passaggio

Senti forte il dovere
Responsabile mestiere
La tua vita come una roulette
C’è del sangue trasparente
Sono stanco di pensare
ingoiare le opinioni
Sospesi dentro il buio
Passare oltre i marciapiedi
Hai preso tue cose
I tuoi racconti strani
Tra pause di silenzio
Le parole come lame
Le tue ferite aperte
Come canti nella notte
Anime sofferenti
esseri diversi
Le tue ferite aperte
Come canti nella notte
Anime sofferenti
esseri diversi
Uomo di passaggio
Per caso ti ho incontrato
Nel mistero di uno spazio
Pieno di semplicità
Lo sguardo aperto al cielo
Dentro tutte le città
Dall’alto di un palazzo voli
Sulla tua fragilità
Hai preso tue cose
I tuoi racconti strani
Tra pause di silenzio
Le parole come lame
Le tue ferite aperte
Come canti nella notte
Anime sofferenti
esseri diversi
Le tue ferite aperte
Come canti nella notte
Anime sofferenti
esseri diversi
Le tue ferite aperte
Come canti nella notte
Anime sofferenti
esseri diversi

Titolo: Una stella fra le stelle
Autore musica e testo Giuseppe Moscato

Sai non so spiegare
Come si fa a volare
Era un po’ di tempo fa
Che le strade erano vive
E siamo a ricordare
De André con le sue strofe
Sapevano di sale
Ma ora è istituzionale
E mi capita ogni tanto
Di cantare come un tempo
E un ragazzo che mi dice
Voglio uscire dal silenzio
Non so cosa vuol dire
Non riesco più a capire
Ma mi piacerebbe andare
In un piccolo locale
E tu ragazzo scuro
Prendi tutto il tuo futuro
Prova a metterti le ali
Con la tua faccia pulita
E mi sento come un padre
Che ha bisogno di ascoltare
Perché sai che io lo so
Me lo puoi raccontare
Ma qui sembra come allora
Come quando andavo a scuola
L’erba voglio no non c’è
Nel giardino del tuo re
E così che ho imparato
Lentamente a camminare
E c’è chi mi ha regalato
Due ali per volare
Non restare ad aspettare
Hai altro a cui pensare
Hai da prendere il coraggio
Per farti rispettare
E non farti circondare
Da chi vuole comandare
Da chi fa della tua vita
Un nome da calcolare
Stringi i denti fatti forte
Fai più larghe le tue spalle
Sei una stella fra le stelle
Che non si può contare

Titolo: Ancora un momento
Autore: Giuseppe Moscato

È tutto ad un tratto 
È calato il silenzio 
La pioggia spostata sul vetro 
Pensavo che il mondo
Si fosse fermato 
Avevo bisogno di fiato
Ho consumato 
Un tempo scuro 
Non c’è bisogno 
Di andare lontano 
Ormai ho imparato 
Che quello che cerco
È a portata di mano
Mi piacerebbe passare una sera
A contare le stelle
per prendere il tempo
prendere i sogni
tenermi stretto
Quello che sento
Non ho voglia di salire sul treno
Preferisco una pausa nulla di meno
Ti ringrazio se mi porti a Milano
Non c’è fretta di arrivare più lontano
Quello che porto e che lascio
È come una bottiglia invecchiata
Da assaporare una sera di inverno
Una memorabile sera di inverno
Non so come fare
Ma non posso aspettare
Ancora un momento
Lo sai devo andare
È tutta una vita che corri che voli
È bello sapere
Che il tempo non vale
Queste notti
che vengono e vanno
Questi pensieri
Che mi girano intorno
Sono come i miei passi i miei occhi
Che corrono invano
Che corrono invano
Strana è la vita nasce finita
E’ solo un momento
Soltanto un passaggio
Ti prende la mano
Ti ascolta piano
Ti vuole soltanto portare nel vento
Mi sento provato ma sono contento
Lo dico a me stesso non mento lo so
Aspetta un momento vorrei riprovare
Non posso fare altro che ricominciare
E quello che porto e che lascio
È dentro quella bottiglia invecchiata
Sempre pronta per essere aperta
Una memorabile sera di inverno

Titolo: Stasera
Autore: Giuseppe Moscato

Stasera ho voglia di parlare un po con te
Vorrei leggerti una lettera di tanto tempo fa
Vorrei starti più vicino di altre volte
Ma ora guardami negli occhi per favore
Voglio dirti che mi manchi anche così
Perché sai la sera arriva sempre tardi
E se il tempo fosse andato un po’ più lento
Sarebbe stato dolce anche il silenzio
Tienimi la mano, portami con te
Questa sera è tutta per te
E guarda come è strano
Ma mi batte il cuore
Stasera voglio stare qui con te
È da un po’ di tempo che ti penso spesso
E ti vedo col tuo passo svelto
Nel silenzio sono poche le parole
Le tue mani sanno sempre cosa fare
Questa sera sai non posso fare a meno
Di ascoltare quello che non hai mai detto
E non voglio immaginarlo neanche un po’
So soltanto che saremo io e te
Tienimi la mano, portami con te
Questa sera è tutta per te
E guarda come è strano
Ma mi batte il cuore
Stasera voglio stare qui con te

Non so se basta così

Titolo: Non so se basta Così
Autore: Giuseppe Moscato

C’è un’ombra sul mio cuore
E anche se non mi appartiene 
Mi chiedo perché
perché  non ha colore
dov’era il tuo amore per sempre
Forse tra le linee del giorno 
Tra le luci nascoste la notte
Ma tutto sta dentro l’anima
Guarda che hai perso la chiave
Per non sentirti corrotto
Niente di più normale – dicono
Per vivere un buon finale
Ma dimmi che c’è da cambiare
Lo vedi nessuno si muove
Sospeso a un palmo dal piano
Non riesco a corrompermi mai
Ritornello
Preferisco volare forse per compensare
Perché sotto il mio cielo non c’è solo il mare
Ci sei pure tu fermo a guardare 
In silenzio a pensare con gli occhi chiusi
E ora che il tempo è tornato
Che a volte  ritorna senza preavviso 
Arriva piano
Senza un segnale 
Senza la nebbia che sale

Solo col mio respiro
Che batte più forte che mai
Non sento più le mie ali
Sapevo di averle con me
E tutto questo rumore
Chiuso dentro un cassetto
Nessuno lo cercherà
Nessuno lo troverà
Ci saranno giorni di festa
Di mare e di fiori di pesco
Di canzoni al pomeriggio
Di promesse dimenticate
Sarà un tempo di libertà
Di forza che non se ne va
E’ tutto quello che siamo  
Non so se basta così
Ritornello
Preferisco volare forse per compensare 
Perché sotto il mio cielo non c’è solo il mare
Ci sei pure tu Fermo a guardare 
In silenzio a pensare Con gli occhi chiusi
E ora che il tempo è tornato
Che a volte  ritorna senza preavviso 
Arriva piano
Senza un segnale 
Senza la nebbia che sale

La tua voce

titolo: La tua voce
Autore testo e musica Giuseppe Moscato

La tua voce mi prende nel fondo
Sai quando vibra l’anima
Non riesco a fermare i pensieri
E mi confondo se ascolto il tuo canto

Sembra come un sogno antico
Che continua a vivere
In questo tempo senza tempo

Ricordi quando la Luna
E il calabrone nel campo
Diventarono amici
In una storia inventata la sera
E poi quel sussurro
Per farti addormentare

Nel canto ripetitivo
Che addormenta il tuo bambino
Nella fotografia di una carezza
Che sta nella memoria

Ascoltare tua voce mi da la sicurezza
Anche se non sei con me

Ricordi quando la Luna
E il calabrone nel campo
Diventarono amici
Di una storia inventata la sera
E poi quel sussurro
Per farti addormentare

Canta ancora per favore
Non smettere di restare
Posso stare anche in silenzio
E ascoltarti un’altra volta

Non mi stancherò un’istante
Cullerai questi lunghi anni
Resisterò al tempo

E mi basta il tuo sguardo
Quando mi cerca tra la gente
E ti penso ogni momento
Appoggiata alla mia spalla
Mmm Mmm Na na…. 

Diversi – EP

Titolo: Sull’oceano
musica e testo di Giuseppe Moscato

Sono stato via un tempo
Che non tornerà
Chissà cosa troverò
al mio ritorno

L’erba è alta
E la porta è ancora chiusa
Hanno smesso
le sirene di gridare

Ti vedo appoggiata alla finestra
Di una notte con le stelle
Che sembra essere la stessa
E mi tremano le gambe
Tra un minuto ci sarò

Ti racconterò
Del mio viaggio dall’America
Di una strana libertà
Sopra l’oceano

E ti ho pensato sai
Suonare al pianoforte
Ascoltare tue poesie
Alla luce della Luna

Non ho smesso di sognarti e di pensarti
E ho trovato il modo per non perderti
Senti come soffia il vento
Amore mio 

Il corridore
Musica e testo: Giuseppe Moscato

Guardo il cielo e il sole è sceso giù
Vedo la tua ombra andare via
Sull’asfalto ci sei solo tu
Scarpe e muscoli che passano

Corridore dove vai
Verso la tua libertà

E c’era un filo che legava il sogno
Ma tu batti il ritmo e il cuore va
E si trasforma la distanza
Mentre aumenta la velocità

Corridore dove vai
Corri contro la città

C’è un tramonto sulla strada
Fuggono i chilometri
Il tuo passo generoso
Tieni insieme il tuo silenzio

Non è semplice lo so
Ma è costante l’andamento
Non c’è niente che non va
Non importa vincere

Salirai sulla collina ancora
E la campagna è come una poesia
Solo il vento ti accompagna
Taciturno come uno straniero
C’è una strada da passare
Con la tua diversità

Figlio mio lo dici sempre
A cosa servono le mie parole
È sufficiente il mio sorriso e poi
Voglio solo correre

Voglio fare il corridore
Come te che vuoi cantare

C’è un tramonto sulla strada
Vanno via i chilometri
Strizza l’occhio generoso
Tutto è dentro il tuo silenzio
Tieni il tuo cronometro
È costante il movimento
Concentrato ed efficiente
Non importa vincere

Nel Cielo di Roma
Testo e musica di Giuseppe Moscato

Vorrei andare via
fuori dalla città
ho visto cambiare
il passo del tempo
E’ bastato soltanto
Un momento

Fuori la periferia
Ci sta un piccolo fuoco
Di luce nella stanza
Di finestre socchiuse
Di due innamorati
Che si sono incontrati
Per caso

C’è dentro la voglia
Di viaggiare lontano
Di lasciare quella vecchia valigia
Solo con la chitarra
E il mio fucile di carta

Scende un desiderio
Dal cielo stellato
C’è un cane che abbaia
E una donna che vola
Nel cielo di Roma

Resta ancora dai
Anche se fumo ancora
come un vecchio treno
Lento sulla ferrovia
Non ho altro da dare
Come sai
So soltanto sognare

Scriverò
Farò tardi stanotte
Lo so
Questo tempo che passa
Mi rende felice
Ci sono
Ed è già abbastanza

C’è dentro la voglia
Di viaggiare lontano
Di lasciare quella vecchia valigia
Solo con la chitarra
E il mio fucile di carta

Scende un desiderio
Dal cielo stellato
C’è un cane che abbaia
E una donna che vola
Nel cielo di Roma 

Oggi cambierà
Autore Musica e testo: Giuseppe Moscato

Stamattina un risveglio un po’ diverso
I tuoi capelli sono sparsi sul cuscino

E la luce entra dentro lentamente
Ti chiedi cosa mai sta succedendo

Le parole hanno perso il loro senso
E i pensieri sono polline nel vento

Cambierà
Oggi cambierà
E il sole nella stanza
Ti accompagnerà

Mi ricordo, quelle mie mattine estive
Le persiane, aperte piano da mia madre

E non ho dimenticato quegli odori
Di grano antico e di pane siciliano

E ti guardo mentre stai con gli occhi chiusi
Com’è strano questo filo che ci lega

E non so se stai cercando una ragione
Fatti andare qualche piccola pazzia

E se ti sembra che i tuoi sogni non rivelano
Quel domani ancora tutto da scoprire

Non importa, so che ti farai felice
Qualche volta puoi non chiederti perché

Cambierà
Oggi cambierà
E il sole nella stanza
ti accompagnerà

Oh Cambierà
Oggi oggi cambierà
E il sole nella stanza
stavolta ti accompagnerà 

Firenze in Bianco e Nero

Vi propongo qui una galleria fotografica di Firenze in Bianco e Nero in stile street. Foto scattate per lo più durante il tragitto da casa al posto di lavoro in via Buonarroti, dove ho lavorato fino a qualche tempo fa.

Stare bene a scuola

Stare bene a scuola

“Stare bene a scuola” è un docufilm realizzato in occasione delle celebrazioni per i 90 anni dell’Indire e in concomitanza della mostra fotografica “Radici di futuro”, allestita a Firenze a ottobre 2015.

Il documentario ricostruisce il tema dell’innovazione nella scuola primaria italiana tra passato e presente. Dalla scuola di Barbiana avviata da don Lorenzo Milani negli anni cinquanta, con il suo modello pedagogico improntato alla didattica “del fare” al movimento di educazione cooperativa ispirato alla metodologia della Pedagogia Popolare di Celestin Freinet, fino ad arrivare ai contesti didattici attuali che reinventano gli spazi dell’apprendimento, rompendo gli schemi tradizionali (come ad esempio il Centro Internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia).



Per saperne di più vai qui: https://bit.ly/2DXXfdJ