La tua voce

titolo: La tua voce
Autore testo e musica Giuseppe Moscato

La tua voce mi prende nel fondo
Sai quando vibra l’anima
Non riesco a fermare i pensieri
E mi confondo se ascolto il tuo canto

Sembra come un sogno antico
Che continua a vivere
In questo tempo senza tempo

Ricordi quando la Luna
E il calabrone nel campo
Diventarono amici
In una storia inventata la sera
E poi quel sussurro
Per farti addormentare

Nel canto ripetitivo
Che addormenta il tuo bambino
Nella fotografia di una carezza
Che sta nella memoria

Ascoltare tua voce mi da la sicurezza
Anche se non sei con me

Ricordi quando la Luna
E il calabrone nel campo
Diventarono amici
Di una storia inventata la sera
E poi quel sussurro
Per farti addormentare

Canta ancora per favore
Non smettere di restare
Posso stare anche in silenzio
E ascoltarti un’altra volta

Non mi stancherò un’istante
Cullerai questi lunghi anni
Resisterò al tempo

E mi basta il tuo sguardo
Quando mi cerca tra la gente
E ti penso ogni momento
Appoggiata alla mia spalla
Mmm Mmm Na na…. 

Diversi – EP

Titolo: Sull’oceano
musica e testo di Giuseppe Moscato

Sono stato via un tempo
Che non tornerà
Chissà cosa troverò
al mio ritorno

L’erba è alta
E la porta è ancora chiusa
Hanno smesso
le sirene di gridare

Ti vedo appoggiata alla finestra
Di una notte con le stelle
Che sembra essere la stessa
E mi tremano le gambe
Tra un minuto ci sarò

Ti racconterò
Del mio viaggio dall’America
Di una strana libertà
Sopra l’oceano

E ti ho pensato sai
Suonare al pianoforte
Ascoltare tue poesie
Alla luce della Luna

Non ho smesso di sognarti e di pensarti
E ho trovato il modo per non perderti
Senti come soffia il vento
Amore mio 

Il corridore
Musica e testo: Giuseppe Moscato

Guardo il cielo e il sole è sceso giù
Vedo la tua ombra andare via
Sull’asfalto ci sei solo tu
Scarpe e muscoli che passano

Corridore dove vai
Verso la tua libertà

E c’era un filo che legava il sogno
Ma tu batti il ritmo e il cuore va
E si trasforma la distanza
Mentre aumenta la velocità

Corridore dove vai
Corri contro la città

C’è un tramonto sulla strada
Fuggono i chilometri
Il tuo passo generoso
Tieni insieme il tuo silenzio

Non è semplice lo so
Ma è costante l’andamento
Non c’è niente che non va
Non importa vincere

Salirai sulla collina ancora
E la campagna è come una poesia
Solo il vento ti accompagna
Taciturno come uno straniero
C’è una strada da passare
Con la tua diversità

Figlio mio lo dici sempre
A cosa servono le mie parole
È sufficiente il mio sorriso e poi
Voglio solo correre

Voglio fare il corridore
Come te che vuoi cantare

C’è un tramonto sulla strada
Vanno via i chilometri
Strizza l’occhio generoso
Tutto è dentro il tuo silenzio
Tieni il tuo cronometro
È costante il movimento
Concentrato ed efficiente
Non importa vincere

Nel Cielo di Roma
Testo e musica di Giuseppe Moscato

Vorrei andare via
fuori dalla città
ho visto cambiare
il passo del tempo
E’ bastato soltanto
Un momento

Fuori la periferia
Ci sta un piccolo fuoco
Di luce nella stanza
Di finestre socchiuse
Di due innamorati
Che si sono incontrati
Per caso

C’è dentro la voglia
Di viaggiare lontano
Di lasciare quella vecchia valigia
Solo con la chitarra
E il mio fucile di carta

Scende un desiderio
Dal cielo stellato
C’è un cane che abbaia
E una donna che vola
Nel cielo di Roma

Resta ancora dai
Anche se fumo ancora
come un vecchio treno
Lento sulla ferrovia
Non ho altro da dare
Come sai
So soltanto sognare

Scriverò
Farò tardi stanotte
Lo so
Questo tempo che passa
Mi rende felice
Ci sono
Ed è già abbastanza

C’è dentro la voglia
Di viaggiare lontano
Di lasciare quella vecchia valigia
Solo con la chitarra
E il mio fucile di carta

Scende un desiderio
Dal cielo stellato
C’è un cane che abbaia
E una donna che vola
Nel cielo di Roma 

Oggi cambierà
Autore Musica e testo: Giuseppe Moscato

Stamattina un risveglio un po’ diverso
I tuoi capelli sono sparsi sul cuscino

E la luce entra dentro lentamente
Ti chiedi cosa mai sta succedendo

Le parole hanno perso il loro senso
E i pensieri sono polline nel vento

Cambierà
Oggi cambierà
E il sole nella stanza
Ti accompagnerà

Mi ricordo, quelle mie mattine estive
Le persiane, aperte piano da mia madre

E non ho dimenticato quegli odori
Di grano antico e di pane siciliano

E ti guardo mentre stai con gli occhi chiusi
Com’è strano questo filo che ci lega

E non so se stai cercando una ragione
Fatti andare qualche piccola pazzia

E se ti sembra che i tuoi sogni non rivelano
Quel domani ancora tutto da scoprire

Non importa, so che ti farai felice
Qualche volta puoi non chiederti perché

Cambierà
Oggi cambierà
E il sole nella stanza
ti accompagnerà

Oh Cambierà
Oggi oggi cambierà
E il sole nella stanza
stavolta ti accompagnerà 

Le persone e la gente

Dentro le messi, così vellutate, 
Il vento s’immerge chiamala estate
Lo vedi che hai la fronte sudata
Raccogli i capelli,
Con la polvere bianca
Le cicatrici sono sfumate, 
vestite di grigio, 
semplicemente ovattate
Dentro ci manca 
ci manca un destino, 
Un pensiero, un saluto
Che parla di noi; 
Che stasera guardiamo l’autunno
L’autunno dei sogni che abbiamo, 
le frustate che ci hanno battuto.
La vita che strappa, si sa
Ho impastato col fango i miei giorni
Ho ingoiato  e sorriso a quel pianto
Ma ho scelto di vivere oggi
Voglio andare ancora più in là
E giocare per sempre col mondo
Perché sai non mi importa di niente
Le persone non sono la gente
Nemmeno una testa a dipingere il cielo
Nemmeno la neve a pulire,
noi che il pianto, il calore, il silenzio, la luce,
noi che l’inverno abbiamo visto fuggire; 
Cercavamo la terra più grassa, 
cercavamo di non ritornare, 
agli abbracci festosi,
ai compagni alle ali
Ai cervelli che ci siamo bevuti 
come strade da
dimenticare.
Come un letto 
su cui riposare
Tra un invito, un imbroglio 
Hai dovuto cambiare
Che stasera guardiamo l’autunno
L’autunno dei sogni dei sogni che abbiamo
La vita che strappa, si sa
Ho impastato col fango i miei giorni
Ho ingoiato  e sorriso a quel pianto
Ma ho scelto di vivere oggi
Voglio andare ancora più in là
E giocare per sempre col mondo
Perché sai non mi importa di niente
Le persone non sono la gente
La vita che strappa, lo so
Ho impastato col fango i miei giorni
Ho ingoiato  e sorriso a quel pianto§
Ma ho scelto di vivere oggi
Voglio andare oltre il confine
E giocare (per sempre) ancora col mondo
Perché il tempo lo sai non è niente
E’ nostra questa luna crescente

di Giuseppe Moscato con Pietro De Simoni

Dammi la mano

Ascolta qui il singolo: “Dammi la mano”

Dammi la mano
Testi e musica di Giuseppe Moscato –
Posizione SIAE n. 281598-0
Arrangiamento pianoforte: Biagio Giuseppe Moscato

Vorrei tanto parlarti
Ma non so come fare
Vorrei farti sapere
Che ho trovato un motivo
Ho bisogno di andare
Via da questo silenzio
Perché il tempo si sa
Se ne va

Ma vorrei tu sapessi
Che mi sono invecchiato
E ogni tanto ritrovo
Pezzi del mio passato
E ogni volta ci penso
Fin da quando ragazzo
Mi piaceva cantare e sognare

Continuare a cercare
Un palcoscenico nuovo
Per poter raccontare
La tua idea del mondo

Sentirai la mancanza
Di un amico distratto
Che non riesce
A trovare una mano

E non c’è una ragione
Forse è un cambio di umore
Non importa se poi
Chi ha sbagliato di noi

Prima di andare via mi dicesti
Parlate con il cuore

Ed è vero lo sai
Non c’è niente da fare
Vorrei tanto ascoltare
quello che non vuoi dire
Ho cercato di dare
Tutto quello che avevo
Hai cercato di dare
Tutto quello che avevi

Non posso nasconderti
La mia nostalgia
Che non è la mancanza
Di un momento vissuto
Perché voglio imparare
A farne un tesoro
Per cercare di andare
Verso il futuro

Senza andare a cercare
Un palcoscenico amico
E saper liberare
Quattro risate

Resteranno gli affetti
Quelli non si cambiano
Sempre pronto e disposto
Ad amare

E stasera ho notato
nella strada deserta
Non l’avevo mai vista
C’è un a nuova fermata

Prima di ritornare mi dirai
Parlate con il cuore 

Firenze in Bianco e Nero

Vi propongo qui una galleria fotografica di Firenze in Bianco e Nero in stile street. Foto scattate per lo più durante il tragitto da casa al posto di lavoro in via Buonarroti, dove ho lavorato fino a qualche tempo fa.

Giornata Nazionale persone con SdD

13 ottobre giornata nazionale per le persone con Sindrome di Down

Il 13 ottobre è la giornata nazionale delle persone con Sindrome di Down. Dedico questo video a mio figlio Damiano e a tutte le persone come lui. Sentirete la sua voce, anche se normalmente non parla così bene, le parole le ho scritte io, ma non ho fatto altro che tradurre i suoi sentimenti: conosco mio figlio. Anche la musica è originale. Un altro piccolo granello di amore da condividere con voi… Vi chiedo di condividerlo con i vostri amici. Si, ve lo chiedo perché è importante sapere come sono questi ragazzi, ragazzi che non hanno quello che tutti hanno. Non ci sono accuse, non ci sono denunce, c’è solo la voglia di cambiare la cultura, di cambiare i nostri occhi, di aprirsi all’ascolto, al silenzio del mano nella mano. Non c’è alcuna compassione, le persone con sindrome di Down sono persone pure. Grazie per questi 3 minuti e mezzo che dedicherete a queste persone



In questo secondo video, non dedicato solo alle persone con Sindrome di Down, ho potuto testimoniare l’esperienza di Special Olimpics, una delle poche realtà nelle quali i disabili riescono ad essere ste stessi, dove possono dare il meglio di se, dove i volontari e le organizzazioni sportive che li supportano vivono con loro un rapporto alla pari: uno dei rari esempi di inclusione. Special Olimpics è un’organizzazione mondiale fondata da Catherine Kennedy